Blog Cafè

NetMediaEurope Italia

marzo 2012

dom lun mar mer gio ven sab
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
Emanuela Teruzzi

a cura di Emanuela Teruzzi


Pubblicità

Creative Commons License

« dicembre 2011 | Main | febbraio 2012 »

Spesa IT: come da previsioni meteo

Se leggo i dati di Sirmi di chiusura del 2011, appena rilasciati, confermo la caduta di tono e di morale che persiste su tutto il paese. Se leggo i dati di Findomestic per la Lombardia, appena rilasciati, non posso che temere per l’arretramento dell’8% della spesa informatica in linea con la media italiana. Milano detiene il 40% dei consumi IT con 100 milioni di euro di spesa. In Italia, la spesa media IT per famiglia è di 60 euro. Previsioni senza fiducia di ripresa (a Milano nevica).

Inserito il 31 di gennaio 2012
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Aggiungi a: OKNOtizie | Segnalo | Delicious | Digg | Smarking | Reddit

Pubblicità

Rim cambia Ceo: prima mossa verso la cessione?

Forse si prepara la strada per la cessione tanto ventilata negli ultimi mesi. O almeno questa potrebbe essere una lettura della mossa fatta durante il weekend delle dimissioni dei due Ceo di Rim – responsabili secondo alcuni  analisti di avere contribuito pesantemente alla disfatta di Rim negli ultimi anni, senza aver intrapreso strategie forti contro l’avanzare incalzante di Apple e di Android. Ma anche il nuovo ceo - Thorsten Heins, in Rim da quattro anni - sembra molto in linea con i due ceo uscenti, che hanno governato mentre il titolo Rim ha toccato i minimi storici (-75% dallo scorso anno) soprattutto per una serie di ritardi nell’aggiornare la gamma dei BlackBerry e per il flop del tablet PlayBook. C’è chi considera Heins molto operativo (secondo Morgan Stanley, non è un visionario ma un “execution guy”), poiché si concentrerà sulla nuova gamma di BlackBerry 10 (non pronta fino alla seconda metà dell’anno) e sul nuovo PlayBook. Lui si insedia con grinta: Sono qui per combattere. Viviamo in un mondo competitivo, ma crediamo nella nostra forza”. Ma il discorso inaugurale è preludio di strategie ancora nebulose.

Inserito il 23 di gennaio 2012
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Aggiungi a: OKNOtizie | Segnalo | Delicious | Digg | Smarking | Reddit

A Fellini l’omaggio di Google

Pietre miliari del cinema, La Dolce Vita, La strada, Amarcord....L’omaggio a Federico Fellini, nato 92 anni fa, è oggi celebrato dalla versione italiana di Google, con un disegno in bianco e nero, in cui le O di Google diventano due bobine della macchina da presa di una scritta in stile liberty. Ritratto con l’inconfondibile giacca e cravatta, Fellini rende onore non solo al cinema italiano (lui che fu premiato con 5 Oscar, l’ultimo alla carriera nell’anno in cui morì, 1993) ma anche all'immagine italica che in queste giorni affonda. Federico_fellini-2012-hp

Inserito il 20 di gennaio 2012
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Aggiungi a: OKNOtizie | Segnalo | Delicious | Digg | Smarking | Reddit

18 gennaio, sciopera Wikipedia

Stamattina il sito italiano di Wikipedia riporta un comunicato di solidarietà nei confronti dello sciopero in atto sulla versione inglese di Wikipedia, contro le proposte di leggi note come Stop Online Piracy Act e PROTECT IP Act. “Condividiamo con i nostri colleghi di lingua inglese le preoccupazioni sul pericolo che l'approvazione di tali leggi da parte del Governo statunitense potrebbe comportare per la libertà del Web in generale, e per Wikipedia in particolare, e desideriamo unire la nostra voce al coro di chi chiede che il Web stesso possa rimanere libero da censure e limitazioni, e non essere influenzato da leggi, decise da pochi, che cerchino di arginare questa libertà”.
E continua: Wikipedia non approva la pirateria informatica, né la giustifica in alcun modo sulle pagine dell'enciclopedia. Gran parte del lavoro degli utenti di Wikipedia consiste in effetti nell'identificare e rimuovere, con la massima prontezza e velocità, le violazioni di copyright altrui che vengano inserite nelle voci. Tuttavia, chiediamo a nostra volta che la lotta alla pirateria venga condotta con strumenti equi e responsabili. Twitter oggi invece non sciopera: “E’ sciocco - ha dichiarato il Ceo di Twitter, Dick Costolo, in un tweet in risposta al reporter di Radar, Alex Howard, che domandava se il servizio di microblogging oscurasse i 140 caratteri per protestare contro la proposta di legge SOPA -. Chiudere un business globale per questioni di politica nazionale è folle”. Google ha messo in homepage un link: “Tell Congress: Please don’t censor the web!”.
Le pagine il lingue inglese di Wikipedia sono lette da almeno 100 milioni di persone ogni giorno: un grosso impatto avrà l'oscuramento del sito, un black out deciso in accordo con gli autori.

Inserito il 18 di gennaio 2012
Permalink | Commenti (2) | TrackBack

Aggiungi a: OKNOtizie | Segnalo | Delicious | Digg | Smarking | Reddit

Che sia Agenda Digitale

Cicli e ricicli, ma l’Agenda Digitale rimane prioritaria, in particolare per l’AGCom, che vuole sensibilizzare il governo Monti ad investire nell’economia digitale: “La scarsità di risorse non può costituire un alibi all’inazione sia perché molte riforme sono a costo zero sia perché bisogna guardare al rapporto costi-benefici: non basta ridurre il debito pubblico, quello che più conta è il rapporto tra deficit e Pil”.
Riassumo solo alcuni numeri: per ogni euro investito nelle rete se ne generano 2,5 di indotto; Internet vale oggi il 3% del Pil; il 10% in più di banda larga farebbe crescere il Pil di 1-2 punti percentuali. Solo buone ragioni.

Inserito il 13 di gennaio 2012
Permalink | Commenti (1) | TrackBack

Aggiungi a: OKNOtizie | Segnalo | Delicious | Digg | Smarking | Reddit

Nuove acquisizioni per il nostro gruppo editoriale

NetMediaEurope si sta allargando in Europa. E’ di oggi l’annuncio dell’acquisizione delle attività di CBS Interactive in Germania, che significa portare sotto il cappello di NetMediaEurope le testate ZDNet.de, Silicon.de e CNET.de, per una traffico complessivo di 20 milioni di pagine e cinque milioni di utenti unici in Germania. Una fase di acquisizioni e di sviluppo del business che rafforza la nostra presenza sul mercato Btob, con ripercussioni interessanti su tutto il network a livello europeo. Una dimensione che ci fa le spalle più grosse in un mercato in cui la concorrenza è incalzante, pur rimanendo ogni Paese (Italia, Germania, Francia, Spagna e UK) focalizzato sul proprio mercato di riferimento. I lanci prenatalizi di TechWeekEurope e ChannelBiz rientrano in questa logica.

Inserito il 9 di gennaio 2012
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Aggiungi a: OKNOtizie | Segnalo | Delicious | Digg | Smarking | Reddit