Blog Cafè

NetMediaEurope Italia

marzo 2012

dom lun mar mer gio ven sab
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
Emanuela Teruzzi

a cura di Emanuela Teruzzi


Pubblicità

Creative Commons License

« dicembre 2009 | Main | febbraio 2010 »

Jobs ed Ellison. La lunga notte di Apple e Oracle

Due eventi diversi, per tutto. Contenuti, annunci, sapori. Due eventi in mondovisione, su questo web che ormai abbatte barriere, distanze e fusi orari. Una notte spesa tra Steve Jobs sul palco a San Francisco ed Larry Ellison a Redwood Shores in California. Jobs che lancia l'iPad che farà moda sicuramente ed Ellison che inaugura la nuova Oracle, che venderà hardware con Sun. La California al centro, noi in periferia ma connessi.

Inserito il 28 di gennaio 2010
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Aggiungi a: OKNOtizie | Segnalo | Delicious | Digg | Smarking | Reddit

Pubblicità

Apps per smartphone. Partiamo dall'iPhone

Inauguriamo oggi la nuova rubrica dedicata al mondo delle Applicazioni per smartphone. Ormai tutti i vendor hanno negozi online di software, che raccolgono le più svariate applicazioni per cellulari: trovano hot spot per collegarsi in giro per il mondo, gestiscono orari di treni e previsioni meteo, scaricano musica e giochi...La nostra rubrica sarà un appuntamento settimanale. Oggi segnala alcune novità per il mondo Apple, questa settimana in fermento per l'annuncio atteso dell'iSlate.

Inserito il 25 di gennaio 2010
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Aggiungi a: OKNOtizie | Segnalo | Delicious | Digg | Smarking | Reddit

New York Times online, si pagherà!

È ufficiale: il New York Times online sarà a pagamento dal 2011"Questo processo di ripensamento del nostro modello di business è stato guidato anche dal nostro desiderio di ottenere entrate addizionali che ci renderenno meno suscettibili agli inevitabili cicli economici", ha affermato Janet Robinson, amministratore delegato. Si scrive enevitabili cicli economici, si legge crisi. Crisi dell'economia, crisi della carta stampata. Già il New York Times aveva fatto marcia indietro sull'online (si pagavano news selezionate nel 2005, ritornarono gratuite nel 2007). Ma ora sembra che il modello a pagamento sia obbligato, anche per una manciata di quattrini: un recente sondaggio svela che il 77% degli utenti online non è disposto a pagare per leggere le notizie. Contro un 19% che sborserebbe da 1 a 10 dollari al mese. Gli e-reader (kindle e iSlate in testa) daranno forse una mano agli editori? Presto, molto presto, per dirlo.

Inserito il 21 di gennaio 2010
Permalink | Commenti (1) | TrackBack

Aggiungi a: OKNOtizie | Segnalo | Delicious | Digg | Smarking | Reddit

Le truffe di Haiti, la storia di sempre

La storia è ripetitiva. Soprattutto nelle disgrazie. Le varie aziende che sviluppano software di sicurezza hanno già rilevato truffe online relative al terremoto di Haiti, incluse e-mail che contengono spam per sollecitare le donazioni e risultati di ricerca che possono infettare i computer con malware.
Riporto qui le raccomandazioni di Symantec che gli utenti devono seguire per navigare sicuri e assicurare che le donazioni e gli aiuti raggiungano le vittime di questa catastrofe.
Quando si effettua una donazione online, è importante ricordarsi sempre di:
- Evitare di cliccare su link sospetti in e-mail o messaggi IM che potrebbero rimandare a siti Internet falsi. Gli esperti di sicurezza suggeriscono di digitare gli indirizzi web, come quello di un ente di beneficenza, direttamente all’interno del browser piuttosto che cliccare sui link contenuti nei messaggi
- Mai rispondere ai messaggi che chiedono informazioni personali, coordinate finanziarie, o password. E’ improbabile che un ente di beneficenza affidabile richieda questi dettagli via e-mail. Nel dubbio, è bene contattare l’organizzazione in questione attraverso un meccanismo indipendente e fidato, come un numero di telefono verificato o un indirizzo Internet noto,  da digitare in una nuova finestra del browser (non cliccare o copiare e incollare da un link nel messaggio).
Siti sicuri a cui affidarsi sono: Croce rossa italiana, Agire, Medici senza frontiere

Inserito il 19 di gennaio 2010
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Aggiungi a: OKNOtizie | Segnalo | Delicious | Digg | Smarking | Reddit

Avatar, per voi il backstage

Inizia così l'articolo dell'anteprima di Avatar, che abbiamo visto per voi. "James Cameron sposta in avanti il limite del possibile per quanto riguarda la produzione di film con grafica 3D: ma come si arriva a realizzare un film come Avatar? Quali strumenti sono stati impiegati? Quali le tecnologie utilizzate? Nelle risposte a queste domande scoprirete alcune curiosità sul film del momento, che esce oggi nelle sale italiane.... grazie alla grafica e alla tecnologia, tutto questo sembra reale: basta spegnere le luci nella sala, infilare gli occhialini e lasciarsi avvolgere dall’ambiente 3D creato in computer grafica".  La recensione di Alessandro merita. Continuate a leggerla...  

Inserito il 15 di gennaio 2010
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Aggiungi a: OKNOtizie | Segnalo | Delicious | Digg | Smarking | Reddit

HP e Microsoft: patto di ferro triennale

Scendono in campo i due ceo di Microsoft e HP, Steve Ballmer e Mark Hurd, già partner di ferro da 25 anni. Scendono in campo, oggi, per delineare un accordo strategico della durata triennale che cambierà il peso dell’offerta di hardware e software nel mondo dei data center. Un accordo con al centro cloud computing e virtualizzazione dal valore di 250 milioni di dollari. Una tabella di marcia serrata, con un obiettvio comune: contrastare l’ascesa della prossima accoppiata Oracle e Sun Microsytems e diventare un unico centro di acquisto tecnologico per le aziende. HP-Microsoft contro Oracle-Sun. Ma anche contro Ibm, Cisco... Un bel match.

Inserito il 14 di gennaio 2010
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Aggiungi a: OKNOtizie | Segnalo | Delicious | Digg | Smarking | Reddit

Inizio d'anno con adrenalina: Google, Apple e nel mezzo Microsoft

Tre attori: Google, Microsoft e Apple. Tre strategie di attacco: Google gioca d’anticipo con gli annunci del 5 gennaio, Microsoft inaugura l’apertura del Ces il 7 gennaio, Apple aspetta con calma che i riflettori si spengano per riaccendersi solo sul suo evento di fine gennaio a San Francisco. Tre annunci in gioco: Google presenta il suo telefonino Nexus One senza piani tariffari (che sarà venduto per ora negli Usa sbloccato, sia tramite operatore sia su store dedicato, e che arriverà in Italia ad aprile con Vodafone). Microsoft presenta il tablet pc di HP con Windows 7 in aperta sfida con l’atteso iTablet (forse battezzato iSlate) che Apple dovrebbe svelare il 27 gennaio. Una corsa a tre: Microsoft nel mezzo, Google che anticipa e Apple che tira la volata finale. Un gennaio promettente. Un bell’inizio d’anno con adrenalina e voglia di scendere in campo. Positivo.

Inserito il 7 di gennaio 2010
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Aggiungi a: OKNOtizie | Segnalo | Delicious | Digg | Smarking | Reddit