Blog Cafè

NetMediaEurope Italia

marzo 2012

dom lun mar mer gio ven sab
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
Emanuela Teruzzi

a cura di Emanuela Teruzzi


Pubblicità

Creative Commons License

« ottobre 2005 | Main | dicembre 2005 »

Sony atto secondo, tempo di spyware

di Emanuela Teruzzi

Ricordate il Drm incriminato nei cd musicali di Sony di qualche settimana fa? La rabbia popolare e le scuse di Sony? La sua disponibilità a sostituire i cd incriminati, come se bastasse? La sua furbizia nel non sostituirli? Ecco, sembra che la lezione a Sony proprio non sia servita, visto che i cd contengono un’altra tecnologia, MediaMax, che agisce come spyware, installando nel sistema automaticamente diversi megabyte di file che, senza alcun preavviso, comunicano con i server dell’azienda ogni volta che avviene una riproduzione musicale, senza dare all'utente la possibilità di disinstallazione. Ma in questo caso, Sony sarebbe in buona compagnia con altri discografici che adottano la stessa tecnologia. Non c’è limite al peggio. 

Inserito il 30 di novembre 2005
Permalink | Commenti (0)

Aggiungi a: OKNOtizie | Segnalo | Delicious | Digg | Smarking | Reddit

Pubblicità

Il “bon ton” digitale

di Emanuela Teruzzi

Quando si incontra Amd, in genere si parla di processori. Oggi invece si è parlato di “Come la tecnologia modifica il nostro modo di socializzare”. Detto così sembra una cosa trita e ritrita (in parte lo è, visto che tutti ormai sono consapevoli che la tecnologia agevola nuove forma di relazioni sociali) ma un elemento curioso della ricerca presentata (commissionata da Amd e realizzata da Benchmark Research) mi va di raccontarvelo: gli italiani chiedono “un bon-ton digitale”, una sorta di galateo digitale che aiuti a condividere i contenuti in modo efficace e corretto. Non ero tra gli intervistati ma concordo: non vi è mai capitato che il collega o l’amico appena sposato vi sottoponga le foto (rigorosamente digitali e a centinaia, proprio perché digitali) delle sue vacanze o del suo matrimonio, senza freno, senza limiti, senza che si chieda se davvero sono così interessanti, così belle, così tutte quanti imperdibili?

Inserito il 29 di novembre 2005
Permalink | Commenti (3)

Aggiungi a: OKNOtizie | Segnalo | Delicious | Digg | Smarking | Reddit

La Pigotta sul web

di Emanuela Teruzzi

Anche quest’anno, dalla fine di novembre al 24 dicembre, saranno oltre 500 le piazze con l’iniziativa “Adotta una Pigotta”. Qui trovate gli indirizzi delle città italiane interessate e qui il perché di questo acquisto. Adottare una Pigotta costa 20 euro, quanto una vaccinazione completa per un bambino del terzo mondo. Dal sito dell'Unicef: "La Pigotta è la bambola di pezza, comune a tutte le culture del mondo. Quella dell’Unicef è una bambola speciale che viene confezionata da gente comune: donne, insegnanti, bambini, nonni e offerta nelle piazze italiane durante il periodo natalizio. I fondi raccolti dall’iniziativa “Adotta una Pigotta” sono impiegati per realizzare programmi di vaccinazione nei paesi nel sud del mondo: nel 2004 sono state confezionate circa 115.000 Pigotte ed il ricavato, pari a oltre 2,4 milioni di euro, ha permesso di vaccinare più di 115.000 bambini". Molte le iniziative in rete rivolte al sociale, molta l’attenzione che suscitano. Segnalate gli indirizzi web, se ne conoscete di valide. "Adotta una Pigotta" è una di queste.

Inserito il 28 di novembre 2005
Permalink | Commenti (2)

Aggiungi a: OKNOtizie | Segnalo | Delicious | Digg | Smarking | Reddit

Promemoria, sabato è Linux Day

di Emanuela Teruzzi

E’ un evento dai toni crescenti. Partito nel 2001 in 40 città, quest’anno il Linux Day sarà ospitato sabato 26 novembre in oltre 100 città italiane, da Palermo a Trento, da Bari a Venezia. Sul sito ufficiale i luoghi precisi e la possibilità di seguire in streaming video la diretta di alcuni eventi nella sezione Live!. I promotori sono la Italian Linux Society (ILS) e i Linux User Group locali (LUG). Cercheremo di seguirlo anche noi, in alcune città, e online. Se ci sarete, aiutateci a raccontarlo.

Inserito il 23 di novembre 2005
Permalink | Commenti (8)

Aggiungi a: OKNOtizie | Segnalo | Delicious | Digg | Smarking | Reddit

Office aperto

di Emanuela Teruzzi

Ci metterà un anno e mezzo per completarsi. Ma il processo di apertura dei formati di Office è partito. Sarà che l’Unione Europea sembra indirizzata a utilizzare formati aperti per i suoi documenti, in modo da consentire a tutti i cittadini di potere accedervi da qualsiasi software utilizzato. Sarà che la concorrenza open source sta crescendo, e gli utenti richiedono formati indipendenti. Sarà che Microsoft non ha nessuna intenzione di perdere il suo dominio sul mercato Office. Sarà… Ben venga questa scelta forte, fortissima per Microsoft. Aprire i formati di Office significa aprire una porta da sempre chiusa con doppio lucchetto.

Inserito il 22 di novembre 2005
Permalink | Commenti (2)

Aggiungi a: OKNOtizie | Segnalo | Delicious | Digg | Smarking | Reddit

Era Google Print

di Emanuela Teruzzi

Cambio di strategia di Google per Google Print. Ops, Google Book Search, ora. Sì, perché dietro al nuovo nome del servizio, si legge la voglia di Google di scappare dalle beghe legate al diritto d'autore innescate dagli editori americani, e il desiderio di mettere l’accento sulla ricerca all’interno dei libri online. Timorosa o avveduta? Cerca che ti ricerca...Google finisce sempre lì.

Inserito il 21 di novembre 2005
Permalink | Commenti (1)

Aggiungi a: OKNOtizie | Segnalo | Delicious | Digg | Smarking | Reddit

Ces, un vecchio Comdex

di Emanuela Teruzzi

Ieri a New York hanno presentato l’anima del prossimo Ces, il Consumer Electronics Show che si terrà a Las Vegas dal 5 all’8 gennaio 2006. Ma leggendo i nomi dei relatori dei keynote non vi sembra di essere a un vecchio Comdex? Bill Gates (chairman e chief software architect di Microsoft), Gary Shapiro (presidente e CEO di Consumer Electronics Association), Sir Howard Stringer (chairman e CEO di Sony), Paul Otellini (CEO di Intel), Terry Semel (chairman e CEO di Yahoo!), Larry Page (co-fondatore di Google). Mi sembra prevalga l'asse Microsoft+Intel+Internet. Come in un vecchio Comdex...

Inserito il 16 di novembre 2005
Permalink | Commenti (0)

Aggiungi a: OKNOtizie | Segnalo | Delicious | Digg | Smarking | Reddit

Internet va a Tunisi

di Emanuela Teruzzi

Domani si apre a Tunisi il World Summit on the Information Society (qui il sito ufficiale del WSIS), secondo appuntamento dopo quello di Ginevra del dicembre 2003. L’intento è nobile, ma mi sembra un grande spottone pubblicitario dell'Onu (vorrei sbagliarmi): “Lo scopo principale del summit è di far capire alle nazioni più povere che possono trarre vantaggi dal nuove tecnologie di informazione e comunicazione per le loro economie e per il loro sviluppo”. Speriamo che per nazioni più povere siano contemplate anche quelle dove la libertà di informazione davvero potrebbe beneficiare di Internet e della rete, alla faccia della censura. Dall'invito di Kofi Annan, segretario generale delle Nazioni Unite, estrapolo “… Information and communication technologies are not a panacea or magic formula. But they can improve the lives of everyone on this planet….” . Da domani monitoreremo.

Inserito il 15 di novembre 2005
Permalink | Commenti (6)

Aggiungi a: OKNOtizie | Segnalo | Delicious | Digg | Smarking | Reddit

Attenti ai cd Sony

di Emanuela Teruzzi

Sony è nella bufera, sotto inchiesta. L’Electronic Frontier Foundation pubblica un elenco, non esaustivo, dei cd musicali di Sony che se inseriti nel vostro pc installano un rootkit incriminato di mettere a rischio la sicurezza dell’intero sistema. Ecco qui l’elenco e anche qualche consiglio per riconoscere se già il rootkit è nel vostro pc. Riconoscetelo, perché è stato individuato il primo malware in grado di sfruttarlo (e a dire che il rootkit incriminato è parte di un Drm antipirateria…). In California gli utenti danneggiati sono invitati ad esporre denuncia, per impedire la vendita di questi cd.

Inserito il 11 di novembre 2005
Permalink | Commenti (11)

Aggiungi a: OKNOtizie | Segnalo | Delicious | Digg | Smarking | Reddit

La Kidman sul videofonino

di Emanuela Teruzzi

La vicenda curiosa è ancora in corso. La riassumo brevemente. Tre gli attori: le sale cinematografiche del circuito Multiplex, l’operatore telefonico H3g, la Eagle Pictures distributore del film The Interpreter (il thriller di Sydney Pollack con Nicole Kidman e Sean Penn ambientato nei corridoi dell'ONU a New York). In breve: le sale cinematografiche si rifiutano di proiettare il film perché “la pellicola” in prima visione può già essere vista sui telefonini di H3g. H3g dice di essere in regola, Eagle Pictures smentisce un accordo con 3 per The Interpreter e ne interrompe la distribuzione sui videofonini, Multiplex continua a non programmare la proiezione del film fino a buone nuove. Certo è che i film sono appena arrivati sui videofonini (dopo la musica) e già si questiona, gli interessi in gioco di sale cinematografiche e di gestori telefonici sono molti, le parti in causa sono agguerrite. E lo spettatore? Bè, chi nel week end è andato in un cinema Multiplex per vedere The Interpreter, ha trovato un bel volantino alla cassa che spiegava il tutto e si è dovuto accontentare di vedere un altro film (ma, garantito, in prima prima visione, e per fortuna al cinema…).
Ps: Continuo a domandarmi quale possa essere il piacere nel vedere un film su uno schermo di pochi pollici…

Inserito il 9 di novembre 2005
Permalink | Commenti (21)

Aggiungi a: OKNOtizie | Segnalo | Delicious | Digg | Smarking | Reddit

Libri online

di Emanuela Teruzzi

Sono scese tutte in campo. Google con Google Print (ora impegnata a risolvere la questione sollevata dal diritto d’autore); Microsoft e Yahoo! con l’adesione alla Open Content Alliance, per proporre contenti di pubblico dominio. Microsoft che si accorda durante il weekend con la British Library per digitalizzare 100.000 libri, Amazon in trattativa con Random House per vendere libri digitali (pagamento a consumo). Si moltiplicano i modi per diffondere i libri (e magari aumentarne la lettura, in calo). Ben vengano, è un settore tutto da scoprire e da lanciare. Anche se il piacere del libro di “carta” rimarrà unico.

Inserito il 7 di novembre 2005
Permalink | Commenti (2)

Aggiungi a: OKNOtizie | Segnalo | Delicious | Digg | Smarking | Reddit

Il bello e la bella

di Emanuela Teruzzi

Era il bello di Internet, Virgilio. Ora ha ceduto il posto ad Alice, che diventerà la bella di Internet (la fantasia del marketing!!). Così Telecom fa uscire di scena il marchio Virgilio, relegandolo a semplice motore di ricerca, e punta su Alice come vero portale per distribuire contenuti diversi e servizi, dalla musica al video on demand, ai servizi di mail, su pc, tv, cellulari, palmari. Ovunque. Massiccio (e furbo) l’impegno di Telecom: visto che l’adsl cresce, il guadagno dalla vendita di contenuti diversi è troppo interessante per lasciarlo in mano ad altri (editori e non). Soprattutto se contenuti “pesanti” come il video passano da linee adsl a consumo (abbonamenti che hanno fatto la fortuna di Telecom e degli altri provider). L’anima del monopolista….

Inserito il 4 di novembre 2005
Permalink | Commenti (4)

Aggiungi a: OKNOtizie | Segnalo | Delicious | Digg | Smarking | Reddit

Carly è tornata, in sicurezza

di Emanuela Teruzzi

E’ caduta in piedi. Le aziende tagliano – la stessa Hp non è ha tagliato solo lei nell’ultimo anno - ma lei Carly Fiorina, ceo di Hp dal 1999 al 2005, spinta alle dimissioni dal management per le sue strategie azzardate e le perdite sostenute, dopo qualche mese di vacanza e di “colloqui” è tornata nel giro: membro del consiglio direttivo di Cybertrust, azienda specializzata nel mondo della sicurezza. La “liquidazione” di HP avrebbe potuto farla vivere agiatamente fino a vecchiaia inoltrata, ma a quanto pare adora lavorare (e fa spallucce alle malelingue). A conferma del suo carattere forte.

PS: Ben per lei, ma forse non è stato così semplice ricollocarsi per gli altri 14.500 dipendenti Hp lasciati a casa per l’andamento dell’azienda, frutto anche delle sue strategie…

Inserito il 3 di novembre 2005
Permalink | Commenti (3)

Aggiungi a: OKNOtizie | Segnalo | Delicious | Digg | Smarking | Reddit

Bill Gates Live

di Emanuela Teruzzi

Dieci anni fa Bill Gates a Las Vegas lanciava la svolta verso Explorer, entrava in punta di piedi nel mondo Internet, partendo dal suo regno di software pacchettizzato. Oggi, 1995-2005, continua la sua avanzata nel web, timoroso dei nuovi concorrenti con i quali si deve confrontare, Google in testa. Debutta così a San Francisco la nuova aggressiva strategia di Microsoft, la  nuova era del software, quella dei servizi online, solo online, sempre più online. Microsoft ribattezza Live i suoi prodotti (Office Live e Windows Live, accanto a  Xbox Live) e li accenna ovviamente online,  in attesa delle beta nel 2006. Se è questa la direzione, credo che la strategia Live decreterà “la morte” dei prodotti di oggi.

Inserito il 2 di novembre 2005
Permalink | Commenti (2)

Aggiungi a: OKNOtizie | Segnalo | Delicious | Digg | Smarking | Reddit